Tappa 2: Sul traguardo della Gradara-Riccione vince Luca Colnaghi

Parla italiano la seconda tappa del Giro d’Italia Giovani Under 23 Enel, dallo spettacolare borgo medievale di Gradara a Riccione, con un percorso all’interno della Romagna che ha decretato la vittoria di Luca Colnaghi.
Il nazionale azzurro Colnaghi ha fatto un vero e proprio numero, rientrando da solo sui fuggitivi e resistendo alla rimonta del gruppo.
Il Giro d’Italia Giovani sta dimostrando il grande interesse e il desiderio di tornare a vedere corse a tappe sia in diretta che in televisione.
Domani la terza tappa, tutta in Emilia-Romagna, da Riccione a Mordano: si riparte con la Maglia Rosa Enel ancora sulle spalle dello spagnolo Alejandro Ropero Molina.

Le maglie:

Maglia Rosa Enel – Classifica generale: Alejandro Ropero Molina (Kometa Xstra Cycling Team)

Maglia Rossa Pinarello – Classifica a punti: Luca Colnaghi (Zalf Euromobil Désirée Fior)

Maglia Verde Work Service – Classifica GPM: Gabriele Benedetti (Team Casillo – Petroli Firenze – Hopplà)

Maglia Blu GLS – Classifica intergiro: Giacomo Ballabio (Iseo Serrature Rime Carnovali)

Maglia Bianca AIDO – classifica dei giovani: Antonio Tiberi (Team Colpack Ballan)

Maglia Multicolore ENIT – classifica combinata: Alejandro Ropero Molina (Kometa Xstra Cycling Team)

Clicca qui per Ordine d’arrivo e Classifiche dopo la Tappa 2

Domani, lunedì 31 agosto, 3° tappa: Riccione (Rn) – Mordano (Bo) 150,5 km

Terza tappa interamente in Emilia-Romagna, con la partenza da Riccione e arrivo a Mordano, dove ha sede la Nuova Ciclistica Placci 2013 presieduta da Marco Selleri, la società organizzatrice del Giro U23 e base dello storico nucleo di volontari a supporto dell’organizzazione.
Sono 150,5 i chilometri di una tappa che, al primo sguardo all’altimetria, può sembrare piatta, ma che all’altezza di Faenza devia verso le colline per portare i corridori ad affrontare due GPM di 3a categoria negli ultimi 30 km: Monticino (3,5 km di salita, pendenza media 5,2%, punte all’11%) e Mazzolano (2,4 km di salita, pendenza media 5,3%, massima all’11%), prima di scendere verso Imola e a Mordano per il traguardo.