La nostra storia

ReStart

Il cuore ricomincia a battere. Per un attimo si è fermato tutto, una breve sospensione, nello spazio e nel tempo, terribile, dolorosa e memorabile.

Ma si deve ripartire. Il Giro d’Italia Giovani non si può fermare, ci sono troppe energie che ruotano intorno a questa manifestazione: le speranze dei ragazzi, la volontà di un movimento compatto, la carica emotiva di tutti noi.

Abbiamo fortemente voluto questo Giro per dare un sostegno tangibile ai territori, per ricominciare la narrazione di questo paese ed uscire dalla scia della paura.

Lo stiamo facendo con grande attenzione e senso di responsabilità, seguendo con scrupolo tutti i protocolli e le attenzioni, prendendoci cura dei nostri collaboratori, degli atleti e del pubblico che ci segue.

Forse sarà ricordato come un Giro strano, difficile, tormentato.

Sarebbe bello potesse diventare lo squillo di tromba che annuncia il nuovo grande ciclismo italiano.

We make it possible.

Giro d'Italia Giovani Under 23 Ed. 2020 - Official Promo

Giro d'Italia Giovani Under 23 - la nostra storia

Lo abbiamo reso possibile.  Adesso lo rendiamo imperdibile.

Il Giro d’Italia Giovani non c’era più, da molti anni era un sogno abbandonato, un buco nel calendario per i ciclisti e per la Federazione.

Nel primo triennio 2017-19 abbiamo dedicato il nostro tempo libero a farlo ripartire, a dargli credibilità e valore, ad essere coinvolgimenti per i ciclisti, per i territori e per gli sponsor.

E’ stato un lavoro profondo, nato da una intuizione e dalla volontà di Davide Cassani e della Federazione; a questo abbiamo aggiunto una organizzazione sana e motivata che imprimesse subito una grande identità alla manifestazione ed una comunicazione capillare e costante.

Adesso abbiamo davanti un nuovo triennioin cui questo Giro – che ha già trovato la sua collocazione nel calendario internazionale e l’attenzione del mondo del ciclismo –  deve crescere ancora ed essere imperdibile per tutti: atleti, territori, pubblico.

Sono sfide che vanno oltre la classica organizzazione e che ci vedono impegnati per fare crescere professionalmente il nostro team e stimolare l’interno settore in una sfida a migliorarsi e primeggiare.

Il Giro Giovani 2020 inizierà con un abbraccio ad Urbino con la celebrazione di una star del Rinascimento: Raffaello Sanzio, morto 500 anni fa, nella sua piena gioventù ma essendo già riuscito a tracciare un segno imprescindibile per tutti gli artisti a seguire.

Il tracciato del Giro Giovani continuerà nella sua innovazione e sperimentazione con territori nuovi, salite inesplorate e percorsi stupefacenti: uno spaccato d’Italia che vuole imperiosamente parlare e che racconterà storie meravigliose.

A partire da quest’anno su tutto il tracciato e nei villaggi di tappa ci saranno novità e nuovi livelli di coinvolgimento e comunicazione, per un Giro che assomiglia sempre più ad una grande festa, di tutti.

Un grande pensiero lo rivolgiamo alla sicurezza, che deve essere un elemento prioritario per ogni gara: come sempre e ancora di più daremo massima importanza alla cura della sicurezza degli atleti sulla strada e quella di tutte le persone coinvolte nel Giro. Su questo non vogliamo e non possiamo lasciare nulla di intentato affinché continui ad essere una gara e una gioia partecipare.

Ai ciclisti vogliamo infine rivolgere un ulteriore incitamento per lo spirito di partecipazione e per la loro maturazione professionale: essere presenti al Giro Giovani è già una conquista, correrlo da protagonisti un successo, correrlo da professionisti un traguardo.

Noi lo abbiamo reso possibile, voi potete renderlo unico.

Gli Sponsor